Intorno a uno stagno dall’acqua fresca e trasparente si raccolgono a bere, a
cercar compagnia, o solo a chiacchierare un po’, tutti gli animali dei dintorni:
la volpe astuta capace di tesser mille inganni, il lupo prepotente e protervo,
l’agnello timido e gentile, il bue grande come una montagna, i corvi sgraziati
e confusionari… E c’è anche la taccola, intelligente e saggia e buona, ma
dall’aspetto – ahimè – grigio e poco appariscente. Quando un giorno Zeus, padre
di tutti gli dei, invita gli animali ad eleggere un loro re, la taccola tuttavia decide
di darsi da fare e si dà a raccogliere ogni piuma colorata caduta a qualche altro
uccello in modo da destare ammirazione per la sua bellezza, anche se finta
e posticcia… Cosa accadrà? “Piume” è un piccolo spettacolo ispirato ad alcune
favole della tradizione classica (Esopo, Fedro, Orazio), e costruito come un gioco
di parole e musica su un tappeto di cuscini.

Gallery